Cosa significa avere successo e che cos’è il fallimento

N.B.: questo post include un video che trovi in fondo a questa pagina!

Cosa significa avere successo?

In questo post vorrei parlare del concetto di successo e del suo “opposto”, ovvero del senso di “fallimento”, visti da una prospettiva spirituale. Inizio quindi dalla mia personale definizione di successo: vivere la vita pienamente rimanendo fedeli a se stessi e credendo nei propri sogni. Molti di noi ritengono che avere successo significhi avere una vita perfetta, essere molto ricchi e competitivi e ottenere il consenso di tutti. Il nostro concetto di successo è fortemente influenzato dal condizionamento ricevuto in infanzia e nel periodo adolescenziale, che si basava su cosa è ritenuto accettabile dalla società in cui viviamo e su cosa gli altri si aspettano da noi. A scuola ci sentivamo giudicati non solo per quante cose avevamo memorizzato ma anche perché, a seconda di quanto eravamo preparati per un’interrogazione o per un compito scritto, gli insegnanti sembravano giudicarci in quanto persone: chi era bravo perché in grado di ripetere a pappagallo ciò che il professore voleva sentirsi dire era anche una persona eccezionale che avrebbe avuto successo nella vita, mentre chi aveva problemi con questo metodo di insegnamento si sentiva trattato come una persona di serie B che avrebbe fallito nella vita. E questo accade anche in famiglia: sei monitorato sin da piccolo, a partire da come vai a scuola e da quanto sei ubbidiente, e, se da grande non sei all’altezza delle aspettative altrui, verrai costantemente sgridato e umiliato. Persino nelle comunità spirituali ci sono vari modi di vedere il successo, con molti esponenti di queste correnti che ci appaiono di successo perché sono belli, perfetti, ricchissimi, vivono in case da sogno, sono spesso ospiti di talk show televisivi famosi o hanno pubblicato libri con case editrici di spicco e sono circondati da tantissimi collaboratori che curano fin nei minimi dettagli 38a0d7ace165ca3435c653389e8d56a9--happy-people-beautiful-paintingsl’aspetto dei loro siti web e dei loro social network. Naturalmente essere molto ricchi e fare una bella vita non fa di noi una cattiva persona (anzi, ci fa vivere nell’abbondanza e nella serenità!), ma occorre capire se per raggiungere questo livello di benessere ci siamo dovuti compromettere e abbiamo creato una facciata che non corrisponde a chi siamo veramente, oppure se abbiamo realizzato tutto questo rimanendo fedeli a noi stessi. Inoltre, quanti di noi realizzano che avere tanta fama porta ad ulteriori responsabilità, come dover gestire i propri fan e i paparazzi proteggendo la propria privacy e incolumità personale?

Ora un momento di riflessione: cosa significa per te avere successo nella vita? 

L’idea del fallimento

Se a molti di noi è stato insegnato che avere successo significa essere perfetti sotto tutti i punti di vista e che commettere errori è vergognoso e profondamente sbagliato, l’idea del fallimento ci appare come l’opposto del successo, e, per questo motivo, abbiamo il terrore di fallire! Ma è veramente così? In realtà troppo spesso dimentichiamo che commettere sbagli e trovarsi davanti a scelte difficili non ha nulla a che fare con il nostro valore personale e con il tipo di persone che siamo. Si tratta di esperienze di vita che spesso ci aiutano a capire cosa vogliamo veramente per noi e che ci rafforzano e ci fanno crescere. Molte volte, fino a che non ci buttiamo e non proviamo a realizzare i nostri sogni, non capiamo cosa desideriamo veramente realizzare. Non siamo onniscenti e spesso siamo 2243758-bigthumbnailtalmente confusi e programmati a vedere la vita in modo distorto che le esperienze fallimentari ci risvegliano da questo stato di confusione. Ma la maggior parte delle persone “di successo” (che non necessariamente sono dei VIP) hanno raggiunto la loro posizione grazie ai propri fallimenti e agli ostacoli che hanno incontrato nella vita. Direi quindi che il fallimento non è qualcosa di negativo o vergognoso ma è un’opportunità per capire veramente cosa desideriamo per noi stessi e un’occasione preziosa per fare esperienza e per diventare resilienti. Bisogna però precisare che occorre sempre equilibrio: se abbiamo una vita senza eventi importanti e che ci scuotono diventa tutto troppo monotono e ricerchiamo l’avventura da altre parti, magari creandoci problemi che non esistono; mentre se viviamo troppi contrasti tutti insieme finiremo per sentirci esausti e ci sembrerà di non vedere mai la luce in fondo al tunnel. Va bene avere dei momenti difficili ma se sono troppi l’unica cosa da fare è dirci che va tutto bene senza punirci per ciò che crediamo di aver creato e cercare sollievo, pregando per giungere a una soluzione. Succede a tutti di passare momenti così ma non si tratta al 100% di una nostra “creazione consapevole” e spesso c’è di mezzo la volontà della nostra Anima di portarci nella direzione giusta per noi! Ma non si tratta di comportarsi da vittime delle circostanze e addossare la responsabilità della nostra vita agli altri…

Un altro momento di riflessione: come vedi il “fallimento”? Cosa hai imparato dalle esperienze difficili?

Avere successo nella vita come persone spiritualmente attive

Personalmente ritengo che tocca a noi, in quanto persone spiritualmente attive, definire la nostra idea di successo. Ognuno di noi, se si impegna a vivere autenticamente e in accordo con i suoi veri desideri, definisce un nuovo standard di “successo”. In realtà nessuno può dettarci le regole su come vivere la nostra vita né può permettersi di dirci se secondo il suo punto di vista siamo persone di successo o se siamo dei “fallimenti”. Fintanto che seguiamo la nostra intuizione e non ci facciamo trascinare dalla visione che la società ha di cosa è giusto o sbagliato, stiamo avendo successo e stiamo onorando il nostro Scopo di Vita! Non c’è nessuna figura autoritaria e nessun guru spirituale che può insegnarci COME vivere la nostra vita e come ottenere successo. E’ bene avere delle figure di 0cec975957ea923d757d6476cde6bd04--sea-paintings-art-childrenriferimento ma è normale non trovarsi in linea con tutto ciò che propongono, utilizzando la capacità di discernimento. Non sempre è facile vivere in una società che ci vuole in un certo modo e che rifiuta la nostra vera identità e più volte ci sentiremo soli, incompresi, umiliati, tristi e avremo voglia di mollare tutto, ma vale la pena andare avanti e almeno provare a concretizzare i nostri sogni! Non facciamoci abbattere dalle circostanze esterne, perché proprio quando esprimiamo noi stessi autenticamente e senza restrizioni, ci allineamo con la nostra Vera Essenza e la nostra Anima ci guiderà e ci proteggerà anche nei nostri momenti più bui. Per me la cosa più importante è la LIBERTA’ PERSONALE, ovvero la possibilità di fare ciò che voglio quando voglio e come voglio, senza sentirmi oppressa da imposizioni o regole, ma libera di seguire la mia intuizione e, se necessario, di commettere errori con la MIA testa!

Chiediti sempre: sto facendo questa cosa perché mi fa sentire bene e realizzato o perché è qualcosa che gli altri si aspettano da me e che mi permette di ottenere il loro consenso?