Risonanze Schumann 1-13 marzo 2021, un’analisi intuitiva ed energetica – video YouTube

Video – spiegazione:


Un’altra informazione interessante: i primi di marzo è stato annunciato che gli scienziati hanno confermato l’esistenza degli URAGANI SPAZIALI, per ora osservati sotto forma di massa roteante di plasma ampia circa 998 chilometri, localizzata sopra il Polo Nord magnetico. L’uragano si è verificato nel mese di agosto 2014 ma la sua esistenza è stata confermata solo nel mese di febbraio 2021, tramite lo studio dei dati raccolti dai satelliti in quel periodo; l’annuncio è apparso sulla rivista Nature Communications. Lo scienziato Mike Lockwood dell’Università di Reading ha spiegato che l’uragano era visibile ad occhio nudo, tuttavia non è stato notato da nessuno perché si è verificato a latitudini molto elevate. Qing-He Zhang, dell’Università di Shandong (Cina) ha realizzato la seguente illustrazione che ci fa comprendere quale aspetto potrebbe avere un uragano spaziale: 

Il Professor Larry Lyons dell’Università della California – Los Angeles, ha spiegato che l’uragano spaziale fa piovere elettroni nell’atmosfera terrestre. 

Gli studiosi sospettano che gli uragani spaziali potrebbero essere frequenti, solo che fino ad ora non eravamo in grado di identificarli. 

Fonte: Hilary Hanson, Scientists Discover ‘Space Hurricane’ High Above The Earth, Huffpost, 6 marzo 2021.


Picco del 1° marzo 2021


Risonanze Schumann dal 4 al 6 marzo 2021


Risonanze Schumann 6-8 marzo 2021 (dati mancanti 7 marzo)


Risonanze Schumann 7-9 marzo – PICCO DELL’8 MARZO 2021


Risonanze Schumann 11-13 marzo 2021


Fonte: Disclosurenews.it 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.