Angeli e Arcangeli

Secondo molte tradizioni esoteriche la Sorgente di Vita (o Dio) ha creato gli Angeli prima flying-angeldell’essere umano. Gli Angeli hanno il compito principale di essere degli intermediari tra la Sorgente Divina e gli esseri umani. Tuttavia la funzione degli Angeli non è quella di essere esclusivamente dei messaggeri, in quanti questi hanno anche la missione di aiutare gli esseri umani a guarire. Anche se in molte raffigurazioni gli Angeli appaiono come esseri di sesso maschile, in realtà queste Entità sono androgine. Si tratta di esseri che, a differenza degli Spiriti Guida, non hanno mai avuto un’incarnazione come esseri umani.

Etimologia della parola “angelo”

La parola Angelo deriva dal greco Angelos, che significa “Messaggero di Dio”. Molti nomi di Angeli e Arcangeli presentano un suffisso in “el” (in italiano in “ele“) che significa “Di Dio“, mentre la prima parte del nome suggerisce di cosa si occupa ciascun Arcangelo.

Cenni storici sulla figura dell’Angelo:

Storie di visitazioni e interventi divini risalgono sin dagli albori della civiltà umana, tanto che sono stati rinvenuti persino in graffiti paleolitici, per cui si risale a oltre 10.000 anni fa. Anche i Babilonesi, i Sumeri, i Persiani e gli Egizi e altre popolazioni

Anunnaki

Annunaki

indigene, ci hanno trasmesso memorie di visitazioni angeliche. In tutte queste raffigurazioni gli Angeli ci appaiono come esseri umanoidi dotati di ali, e, dato che questi popoli erano soliti utilizzare l’immagine delle ali per raffigurare esseri venuti dal cielo, alcuni hanno avanzato l’ipotesi che si trattasse in realtà di “Antichi Astronauti” (anche conosciuti sotto il nome di Annunaki) o Entità Spirituali che hanno visitato il Pianeta Terra per aiutare l’umanità ad evolvere.

Il Cristianesimo ha ereditato la tradizione degli Angeli dal Giudaismo. Nel 745 d.C.  la Chiesa Cattolica, allarmata dal posto di rilievo occupato dagli angeli nella vita religiosa dei fedeli, per mezzo del Papa Zaccaria, ordinò di eliminare 7 Arcangeli, tra i quali  Uriel e Raguel.

Nel corso del XVI e del XVII secolo molti intellettuali e teologi misero in discussione il ruolo degli Angeli e il loro reale Potere. Alcuni affermarono che gli angeli erano figure totalmente inutili e altri negarono che queste Entità avessero dei veri Poteri.

Diversi artisti e letterati hanno celebrato la figura degli angeli nel corso della storia, molti addirittura invocandone l’aiuto per trovare l’Ispirazione, tra questi ricordiamo il celebre poeta e drammaturgo inglese William Shakespeare (1564 – 1616) e il compositore George F. Handel (1685 – 1759).

Come ci appaiono gli Angeli?

Gli Angeli ci possono apparire come forme di energia o sfere di luce bianca o colorata; questi sono Esseri di grandi dimensioni che però si adattano alle vibrazioni del nostro Piano di Esistenza e che appaiono a ciascuno di noi in modo diverso e unico. Gi Angeli ci possono apparire come animali, piante o persino come esseri umani, in base a ciò che ci fa sentire più a nostro agio. Non sempre gli angeli ci appaiono come esseri dotati di ali. Ci sono stati molti di casi di incontri angelici durante i quali queste Entità hanno assunto temporaneamente forma umana e sono intervenuti in situazioni di emergenza o di estremo pericolo per salvare la vita delle persone.

“Non dimenticate l’ospitalità; alcuni, praticandola, senza saperlo hanno accolto degli angeli.” – Ebrei 13:2

Quando inziamo ad abituarci alla presenza degli angeli nella nostra vita, inizialmente questi ci possono apparire come luci bianche o colorate che vediamo per pochi istanti con la coda dell’occhio. Successivamente saremo in grado di vederli come luci colorate o bianche davanti a noi o persino come sagome. Quando un Angelo è vicino a noi avvertiamo un senso di calore e protezione e a volte ci può causare del pianto inaspettato. Questo avviene per aiutarci a lasciare andare emozioni represse ed è esso stesso una forma di guarigione.

Dove dimorano gli Angeli?

Gli Angeli dimorano in un Regno che si trova al livello del Piano Astrale, che è più vicino al nostro Piano Terreno. All’interno del Regno degli Angeli ci sono altri sub-regni in cui risiedono varie tipologie di angeli, secondo la loro missione o “specializzazione”. Gli Angeli sono esseri immensi e molto potenti che lavorano senza sosta.

Gli Arcangeli

Gli Arcangeli si trovano, nella gerarchia ideata dal teologo e filosofo siro Pseudo- Dionigi l’Aeropagita nel IV o V secolo d.C., al livello superiore rispetto a quello degli Angeli. Si dice che gli Arcangeli siano in diretta comunicazione con Dio e che sono al suo comando. Questi sarebbero quindi i primi Angeli ad essere stati creati da Dio. Il nome

1200px-Francesco_Botticini_-_The_Assumption_of_the_Virgin

Assunzione della Vergine – di Francesco Botticini – la gerarchia angelica

Arcangelo è composto dal prefisso Arch, che in greco significa “capo” o “comandante”. Nella Bibbia la parola Arcangelo non è quasi mai usata e gli Arcangeli sono menzionati solamente in due occasioni. La Bibbia Cristiana menziona solamente gli Arcangeli Michele e Gabriele, mentre il Corano e la Cabala menzionano anche Azrael e Metatron. La tradizione Giudaica menziona 7 Arcangeli: Michele, Gabriele, Raffaele, Uriel, Raguel, Saraqael, Remiel. Ogni singolo Arcangelo ha un talento particolare attraverso il quale deve assistere l’umanità. Di seguito propongo un elenco riassuntivo degli Arcangeli più conosciuti:

  • MICHELE – protezione, autostima, coraggio, vitalità ci aiuta quando dobbiamo ritrovare la motivazione e ci aiuta a liberarci da attacchi psichici o fisici.
  • GABRIELE – Il “Messaggero di Dio“. E’ sovente ritratto come un Essere di sesso femminile. Ci aiuta ad ascoltare e ad essere ricettivi ai messaggi che ci arrivano dal Divino e ad aprire il nostro Terzo Occhio. Inoltre ci assiste ad interpretare i nostri sogni e qualora stessimo affrontando un trasloco o cambiando lavoro. 
  • RAFFAELE – Ci aiuta nella guarigione, ci assiste nel liberarci da dipendenze, o a ritrovare parti della nostra Anima che abbiamo “perso” o quando abbiamo perduto una persona cara.
  • URIEL – Aiuta le popolazioni colpite da disastri naturali e ci assiste nello studio in generale.
  • METATRON – Lui e il fratello gemello Sandalphon sono gli unici due Arcangeli il cui nome non termina in “ele”. Egli è l’Angelo della Presenza, Signore dei Registri Akashici, e si ritiene che abbia avuto un’incarnazione terrestre come il Profeta Enoch. E’ anche conosciuto come lo “Scriba Divino“. Si ritiene che Metatron abbia l’incarico di far transitare nel non-fisico le Anime che sono pronte per lasciare il Pianeta Terra, per questo motivo è anche conosciuto come l'”Angelo della Morte“.

Arcangeli meno noti sono: Chamuel, Jophiel, Raguel, Samael, Ariel, Azrael, Camael, Haniel, Jeremiel, Raziel, Raguel, Sandalphon.

Angeli caduti e i figli degli Angeli, ovvero i Nefilim

Si narra che un tempo Lucifero, l’Angelo più bello mai creato da Dio, il cui nome

15-Secrets-of-the-Nephilim-in-the-Bible-to-Know-Nephilim-Today-on-Earth

Ossa di un Nephilim (?)

signfiica “Portatore di Luce“, geloso degli esseri umani, si ribellò a Dio, violando la barriera che separa il regno degli Angeli dal Pianeta terra, e attaccando gli esseri umani in modo crudele. Lucifero divenne Satana, fu battuto dall’Arcangelo Michele e allontanato per sempre dal “Paradiso”. Egli si mise a capo di una schiera di angeli che seguirono il suo esempio, diventando a loro volta Angeli Caduti.

Un’altra tipologia di Angeli si ribellò a Dio decidendo di accoppiarsi con donne umane, dalla cui unione nacquero i Nefilim, o giganti. Questi esseri portarono scompiglio sul Pianeta Terra, seminando terrore e caos tra la popolazione umana (vedasi figure mitologiche come quella dei Ciclopi), al punto che Dio dedise di scatenare il Diluvio Universale per liberarsi dei Neifilim. Si dice che le ossa di questi giganti sono state rinvenute in più occasioni e in diverse parti del Pianeta, ma che queste siano state puntualmente fatte scomparire.

Piccolo accenno agli Angeli del Bene e Angeli Tentatori

E’ importante, almeno secondo me, introdurre il concetto di “angeli del bene e angeli tentatori”, come descritto dal Dott. Abbate nel suo libro Angeli e Diavoli Custodi, perché occorre superare la visione secondo la quale esiste realmente il male, inteso come qualcosa di pericoloso che ci può fare violenza o che può persino arrivare ad annientarci, quando invece la negatività è qualcosa che abbiamo creato noi esseri umani, come ad esempio i famosi “demoni” dei quali si parla da sempre. Comprendere che gli Angeli non sono semplicemente dei puttini sorridenti ai quali affidarci totalmente e ai quali demandare la nostra responsabilità di co-creatori è di fondamentale importanza.

“Di “angeli” ce ne sono principalmente due tipi, quelli del Bene, e quelli del Male, detti anche tentatori. Entrambi sono custodi. Entrambi non hanno il libero arbitrio. Questo significa che entrambi non possono prendere iniziative autonome, non possono giudicare, non possono sbagliare. Però noi siamo co-creatori, e così abbiamo creato le Bestie Ribelli, quelle negatività che per loro natura sono schierate contro la volontà di Dio. […] siamo superiori agli Angeli, essendo dotati di libero arbitrio […]. Ma proprio questa situazione ci pone in una condizione di libertà superiore a loro: con il nostro libero arbitrio possiamo rendere grazie a Dio in libertà, come nostra decisione autonoma. […] In questa situazione gli Angeli non sono solo messaggeri, ma anche nostri aiutanti nelle esperienze necessarie alla nostra crescita. […]” – Gian Piero Abbate, Angeli e diavoli custodi, Quarta edizione, 2017, pp. 20-21.

Da qui si capisce come gli angeli tentatori abbiano come scopo quello di assisterci nella rivelazione di chi siamo veramente, e, attraverso le cadute, gli errori e gli ostacoli incontrati, ci mettono in connessione con il nostro mondo interiore e ci fanno scoprire i nostri “lati d’ombra” che pure servono alla nostra evoluzione. Molti insegnamenti sugli Angeli ci portano invece ad elogiare solamente gli angeli del bene e ad escludere quelli del male, che vengono scambiati per negatività, forme-pensiero create dall’ignoranza umana.

(fonte: Gian Piero Abbate, Angeli e diavoli custodi, Quarta edizione, 2017).