LA GRANDE CONGIUNZIONE DI GIOVE E SATURNO IN AQUARIO DEL 21 DICEMBRE 2020: DISCESA DELL’ENERGIA CRISTICA E ANNUNCIAZIONE DI UNA NUOVA ERA? – LIVE STREAMING YOUTUBE, SABATO 12 DICEMBRE 2020 ORE 17:00.

La GRANDE CONGIUNZIONE di Saturno e Giove in Aquario è un evento cosmico molto particolare e quindi raro. In cielo, per chi osserverà l’evento, si vedranno questi due pianeti come una luce unica:

Si tratta di un allineamento che non si presenta da ben 794 anni, ossia dal 1226, anno in cui (il 3 di ottobre) scomparve SAN FRANCESCO DI ASSISI, il PATRONO D’ITALIA.

Inoltre se osserviamo il TEMA NATALE DI GESÙ SECONDO LA DATA DI NASCITA PROPOSTA DAll’astronomo MICHAEL MOLNAR14 aprile 6 a.C,[1] ora 8:52:34 UT (tempo universale), troviamo un interessante ALLINEAMENTO FRA GIOVE E SATURNO:

Come indicato nell’aspettario (parte da me evidenziata in rosa) ci fu un SEMISESTILE (la metà di un sestile) fra Giove e Saturno, e ciò significa che i due pianeti erano situati a circa 30° di distanza l’uno dall’altro. In genere si tratta di un aspetto positivo e creativo perché unisce 2 elementi opposti e li fa lavorare in armonia: vediamo GIOVE che si trova in ARIETE – FUOCO mentre SATURNO si trova in PESCI – ACQUA. Spesso però questo allineamento è vissuto dall’individuo con un senso di disagio e tensione, o instabilità e insicurezza, perché implica la NECESSITÀ DI RINNOVAMENTO, di una MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA per poter GUARDARE ALLA REALTÀ IN MODO DIVERSO.

Posto che personalmente ritengo che la venuta del Cristo[2] non sia altro che la DISCESA DELLA COSCIENZA CRISTICA su questa Terra (per chi la accoglie), questa data potrebbe proprio indicare che nel 6 a.C. la Terra ha ricevuto delle energie diverse, provenienti dalla Sorgente Divina. In parole semplici la Coscienza Cristica ci invita a riscoprire la nostra divinità interiore e a riconnetterci con essa, mostrandoci che siamo parte di un grande Uno. Su questa Terra l’identità personale è importante perché in tal modo il Divino si esprime in una miriade di modi diversi tramite l’essere umano – alcune volte creando del positivo altre trasformandosi in una forza distruttiva. Il “gioco” consiste nello sperimentare tutte le polarità, nel vedere fino a dove possiamo arrivare sia in termini di negatività che di positività. Per gli ultimi 6.000 anni(o forse persino di più) abbiamo sperimentato il nostro lato oscuro, per vedere fino a dove potevamo spingerci, culminando in questa situazione assurda al livello mondiale.

La Coscienza Cristica risveglia chi è pronto a sperimentare le potenzialità costruttive dello Spirito, quelli che sono stanchi di sperimentare sempre e solo il negativo. Quindi secondo me nel 6 a.C. potrebbe essere discesa questa nuova energia, che poi è stata colta da pochissimi individui. La figura di Gesù potrebbe essere realmente esistita, anche se probabilmente è un nome collettivo dato a diversi individui che nel corso della propria esistenza hanno incarnato la Coscienza Cristica (vedi anche il Buddha). Esotericamente infatti si distingue l’uomo Gesù dal Maestro Cristo o Coscienza Cristica.

Allo stesso modo l’Anticristo potrebbe essere semplicemente la malvagità umana, l’esatto opposto della Coscienza Cristica, non un individuo nello specifico, ma tante personalità che perseguono lo stesso obiettivo distruttivo.

Molnar afferma di essere risalito a questa data (14 aprile 6 a.C) grazie al ritrovamento di una moneta dell’epoca dell’Impero Romano, rinvenuta in Siria (Antiochia), sulla quale è raffigurato il segno zodiacale dell’Ariete insieme ad altri simboli astrologici. Lo studioso crede che la famosa Stella di Betlemme o stella cometa sia in verità un allineamento astrologico importantissimo che guidò i Magi verso Betlemme.

Moneta dalla quale Molnar è risalito alla data del 14 aprile, anno 6 a.C.

In questo tema natale vediamo infatti il SEMISESTILE FRA GIOVE E SATURNO e il passaggio dall’Era dell’Ariete all’Era dei Pesci: il Sole iniziò a trovarsi nel segno dei Pesci durante l’equinozio di primavera, per cui si denomina questa l’Era dei Pesci (secondo alcuni va dal 100 a.C. fino al 2100 d.C., tuttavia ci sono pareri discordanti), mentre prima, durante l’era dell’ariete, il sole si trovava in ariete durante l’equinozio di primavera. Sembra che il grande allineamento si sia ripetuto 3 volte nel corso di 9 mesi l’anno di nascita di Gesù[3] segnando la fine dell’Era dell’Ariete.

Secondo la teoria delle ere astrologiche l’umanità vive in 3° dimensione per 7000 anni, per cui noi ci troveremmo all’inizio degli ultimi 1000 anni.

Molnar afferma che quando nacque Gesù, in cielo, verso est, si videro sorgere Giove e Saturno poco prima del Sole.

I famosi Magi (astrologi) attendevano la nascita di un nuovo re dopo la morte del vecchio re, una figura mitica chiamata “Kai Khusrau”[4].

Secondo i re Magi e l’élite occulta Giove simboleggia la consacrazione di nuovi re, mentre Saturno segnala l’inizio e la fine di ciascun ciclo, ed è a volte raffigurato come la Morte con la falce in mano.

I “potenti” potrebbero quindi vedere questo allineamento tra Giove e Saturno (21 dicembre 2020) come il segnale che sta per nascere il loro nuovo re, l’“Anticristo”. È ormai apparente che vogliano imporci il loro “grande reset” con l’anno nuovo 2021, una sorta di distopia camuffata da “New Age”. In questi giorni vediamo come ci sia una grande fretta di imporre regole sempre più assurde oltre che di obbligare la gente a farsi iniettare sostanze nel corpo, e come i mass media e i politici facciano a gara a chi dice più bugie. Ormai questo negare l’evidenza è diventato talmente esagerato da risultare comico…

Tornando all’allineamento del 21 dicembre 2020, la Grande Congiunzione di Giove e Saturno negli ultimi 200 anni è sempre avvenuta nei segni di terra, mentre quest’anno avverrà nel segno di aria Aquario. Ricordiamo che dal 18 dicembre 2020 fino a tutto il 2021 Giove e Saturno saranno nel segno dell’Aquario, indicando che ci stiamo spostando in una nuova Era, che sarà il trionfo della Vera Libertà e che verrà inaugurata da una Rivelazione (biblicamente detta “apocalisse”) in atto proprio in questi mesi. L’élite naturalmente non vuole mollare la presa, ed è ormai da tempo che cerca di dirottare il cambiamento promuovendo astutamente una falsa “New Age” all’insegna della repressione, dell’annullamento delle identità personali, culturali, nazionali, della povertà per molti al fine di “fermare i cambiamenti climatici”, della depravazione spacciata per “progressismo”, e della transumanizzazione (creazione di esseri ibridi, metà umani metà robot, ecco il motivo dell’interesse nello sviluppo dell’AI, Intelligenza Artificiale[4]).

Quindi per continuare a predominare anche durante la Nuova Era, l’élite sta inventando cose assurde e vuole in qualche modo imprigionare le coscienze in una realtà virtuale e distopica (contrassegnata da limitazioni di ogni tipo, menzogne, povertà, privazioni, dolore, paura, sofferenza, odio reciproco): la “pandemia” si sta rivelando un grande esperimento sociale per prepararci a questa nuova era distopica.

Però l’élite non si rende conto di due cose importanti:

  1. Che il “potere” in questi millenni glielo abbiamo conferito noi, rifiutando di farci guidare dall’Intuizione e sottomettendoci a varie forme di autorità a causa del fatto che abbiamo dimenticato chi siamo.Non appena la gente si risveglia il potere torna al popolo, quindi non è più possibile manipolare le masse.
  1. Che i tempi sono cambiati, i piani “oscuri” sono allo scoperto, la gente sente che ciò che le viene propinato dai mass media è palesemente falso, ma soprattutto c’è una grande voglia di Giustizia, Libertà e Verità. Mentre le energie collettive e planetarie evolvono (accompagnate da fenomeni cosmici che naturalmente vengono omessi dai mass media) i popoli iniziano a risvegliarsi e i soprusi dei “potenti” non sono più tollerati.

Vediamo quindi leader che, non consapevoli di ciò che sta realmente accadendo (essendo dei robot privi di anima), pronunciano discorsi pubblici deliranti e promettono la “libertà” a chi si sottometterà al volere delle élite; alcuni anticipano persino una nuova unione dello stato con la Chiesa, sempre a braccetto con la “scienza” ufficiale…

È per questo che ora dobbiamo essere molto vigili e non farci trascinare dal panico scatenato nella parte della popolazione ancora addormentata. Per fortuna non è necessario raggiungere la massa critica, e ciascuno di noi deve semplicemente fare la sua scelta; per cui ci viene chiesto di focalizzarci su questa nuova dimensione, dapprima scrollandoci di dosso tutte le menzogne alle quali abbiamo creduto e successivamente unendoci fra di noi (penso che riceveremo un segnale quando è giunto il momento – probabilmente già a inizio 2021).

Diffidiamo di chiunque ci inviti ad “unirci per combattere il nemico”.

Questo processo di evoluzione, e anzi di Rivelazione del Nuovo Mondo (o Terra Promessa) che è sempre esistito[5], è inarrestabile.

Nella storia la congiunzione di Giove e Saturno ha sempre accompagnato GRANDI CAMBIAMENTI, favoriti dall’ETERNO (SORGENTE DIVINA, come lo/la definisco io, dato che non è un essere con sembianze umane, ma una qualche forza incredibile che noi non possiamo comprendere anche se fluisce in ciascuno di noi). In cielo questo evento assume l’aspetto di una stella luminosissima, e secondo gli astronomi (tra cui anche Johannes Kepler) la famosa “STELLA DI DAVID” descritta nel Libro di Matteo non era altro che una RARA TRIPLA CONGIUNZIONE DI GIOVE, SATURNO E VENERE.

La CONGIUNZIONE GIOVE – SATURNO avvenne anche:

  • Nella notte fra il 25 e 26 marzo 1226 a.C.[6], in occasione dell’ESODO[7].
  • Nella notte fra il 4 e il 5 marzo 1226 d.C., 7 mesi prima della MORTE DI SAN FRANCESCO D’ASSISI.

 

Secondo varie profezie cristiane sarà proprio San Francesco, “con voce di tuono”, che si ripresenterà agli umani per ripristinare l’Ordine Divino.

Siccome non credo che l’umanità verrà salvata da qualche maestro o santo, ma che si salverà da sola, e dato che San Francesco è il Patrono d’Italia, mi viene da pensare che forse l’Italia sarà uno dei primi paesi a reagire in modo inaspettato alle imposizioni delle élite. Parlo naturalmente della parte del popolo che si è risvegliata e NON considero minimamente i servi dei “potenti”… sembra che a volte ci sia un odio particolare verso l’Italia, e ancora non riesco a cogliere la vera ragione. Per questo ho trovato molto significativa l’evocazione di San Francesco.

Quindi il 21 DICEMBRE 2020 vedremo la “STELLA DI DAVID” in cielo, l’ANNUNCIO DEL RIPRISTINO DELL’ORDINE DIVINO, dopo che l’élite avrà inferto gli ultimi “colpi” alle popolazioni mondiali.

GIOVE è il pianeta dell’ESPANSIONE, dell’ABBONDANZA e della FORTUNA, mentre SATURNO rappresenta le REGOLE, le LIMITAZIONI, ma anche la DISCIPLINA, ed è anche chiamato “SIGNORE DEL KARMA” perché ci permette di IMPARARE DALLE ESPERIENZE DEL PASSATO.

GIOVE e SATURNO saranno a 0° IN AQUARIO (precisamente 025 Giove e 027 Saturno), simboleggiando un POTENZIALE ILLIMITATO DI CAMBIAMENTO, e una RINASCITA PLANETARIA.

Come avevo già proposto lo scorso mese di novembre l’unione di GIOVE e SATURNO potrebbe anche rappresentare una “RIBELLIONE ORGANIZZATA”, ma non nel senso di “lotta al potere” (che non farebbe altro che dargli molta importanza, rafforzandolo di conseguenza) ma di RISVEGLIO / RIVOLUZIONE INTERIORE COLLETTIVA DISCIPLINATA, con persone ben centrate e non completamente squilibrate e alla ricerca di Guru e Maestri che le salvino…

Il 21 dicembre (giorno del SOLSTIZIO D’INVERNO) vedremo una congiunzione che probabilmente si ripeterà nel 2080, quindi molto oltre la data del 2025, anno in cui, secondo i calcoli degli scienziati, si concluderà la riconnessione della magnetosfera solare con quella terrestre, spazzando via le due Fasce di Van Allen, le quali potrebbero essere una grande tv olografica che non ci permette di vedere come è fatto realmente lo spazio, celando anche la Vera Terra.

I “cieli” sui quali osserviamo apparenti movimenti degli astri potrebbero essere solamente un riflesso di ciò che avviene nella coscienza collettiva del pianeta Terra (vedi l’universo secondo Jean-Pierre Luminet), per cui mi aspetto che anche l’astrologia, come tutte le altre discipline esoteriche, muterà profondamente.


Ora citiamo brevemente una parte del CAPITOLO 3 del VANGELO SECONDO LUCA 3,19, poi la interpreteremo per capire meglio il periodo che stiamo vivendo:

Nell’anno decimoquinto dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetrarca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetrarca dell’Iturea e della Traconitide, e Lisania tetrarca dell’Abilene, sotto i sommi sacerdoti Anna e Caifa, la parola di Dio scese su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. Ed egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia:

Voce di uno che grida nel deserto:

Preparate la via del Signore,

raddrizzate i suoi sentieri!

Ogni burrone sia riempito,

ogni monte e ogni colle sia abbassato;

i passi impervi spianati.

Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!

Diceva dunque alle folle che andavano a farsi battezzare da lui: “Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire all’ira imminente? Fate dunque opere degne della conversione e non cominciate a dire in voi stessi: Abbiamo Abramo per padre! Perché io vi dico che Dio può far nascere figli ad Abramo anche da queste pietre. Anzi, la scure è già posta alla radice degli alberi; ogni albero che non porta buon frutto, sarà tagliato e buttato nel fuoco”.

Le folle lo interrogavano: “Che cosa dobbiamo fare?”. Rispondeva: “Chi ha due tuniche, ne dia una a chi non ne ha; e chi ha da mangiare, faccia altrettanto”.

Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare, e gli chiesero: “Maestro, che dobbiamo fare?”. Ed egli disse loro: “Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato”. Lo interrogavano anche alcuni soldati: “E noi che dobbiamo fare?”. Rispose: “Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno, contentatevi delle vostre paghe”.

Poiché il popolo era in attesa e tutti si domandavano in cuor loro, riguardo a Giovanni, se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: “Io vi battezzo con acqua; ma viene uno che è più forte di me, al quale io non sono degno di sciogliere neppure il legaccio dei sandali: costui vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Egli ha in mano il ventilabro per ripulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel granaio; ma la pula la brucerà con fuoco inestinguibile”. 

Con molte esortazioni annunziava al popolo la buona novella. […]

Come sempre ci troviamo davanti ad una versione a dir poco alterata delle Sacre Scritture originarie (parte della Dottrina Segreta), per cui dobbiamo uscire fuori dalla logica comune per poterle interpretare.

La “parola di Dio” è ciò che definiamo “Forza Divina”, l’Armonia Universale, un messaggio di speranza per chi si è risvegliato e vuole finalmente vivere in un mondo evoluto. Potremmo anche definirla “Intuizione”, Guida del Vero Sé che alberga in ciascuno di noi. Questa Guida arriva a noi nel deserto, cioè in un momento in cui siamo tutti divisi e rinchiusi in casa. Il deserto è quindi la paura artificialmente indotta dal sistema. Stiamo ricevendo una sorta di “Chiamata”, le persone che sono entrate in allineamento col Divino si stanno attivando per aiutarsi reciprocamente in questo momento buio, durante il quale però chi si riconnette con la propria Divinità Interiore prova uno strano senso di pace e persino gioia. Qui si parla di “conversione” e “peccati”, ma ci si riferisce al risveglio: le persone si devono svegliare dall’illusione, capendo che abbiamo vissuto in un mondo fittizio e che in verità non sappiamo praticamente nulla sulla natura della realtà (le scienze stesse oggi vedono forse poco più del 5% del reale grazie a strumenti tecnologici) e devono riprendere il proprio Potere Personale; i “peccati” non sono altro che le ideologie e le credenze distorte che ci hanno portati a vivere disconnessi dal Divino che è in noi e a farci la guerra gli uni con gli altri. Non a caso TUTTE LE SCIENZE STANNO SCOPRENDO CHE SIAMO INTERCONNESSI TRAMITE “FILI INVISIBILI”, COSÌ COME L’UNIVERSO APPARE OGGI COME UN INSIEME DI GALASSIE COLLEGATE TRA DI LORO. Chi si risveglia si deve infatti PURIFICARE, liberandosi dalle illusioni.

La via del Signore”, “La salvezza di Dio” vuol dire che ci salviamo da soli riconnettendoci col Divino che alberga in noi. Infatti se ci risvegliamo siamo finalmente guidati e protetti – guidati dallo Spirito, non dalla cieca razionalità.

Ogni burrone sia riempito,…” significa che dobbiamo fare Giustizia, dobbiamo iniziare a vivere in armonia con la natura, rimediare ai danni fatti.

L’imprecazione nei confronti delle folle “razza di vipere,… potrebbe riferirsi a chi si fa ancora dominare dalla paura e così facendo danneggia sé stesso e gli altri, ad esempio sottomettendosi al volere di un qualsiasi “autorità”. In generale è la mancanza di fede in sé stessi e nel Divino, l’incapacità di ampliare i propri orizzonti, che colpisce anche gli “spirituali”.

Ogni albero che non porta buon frutto sarà tagliato,…” ovvero chi non si riallinea col divino e continua a vivere in modo disconnesso non potrà proseguire il cammino giungendo nel mondo nuovo.

Dio può far nascere figli ad Abramo anche da queste pietre” secondo me significa che la Creazione non è limitata a questo mondo, e che se ci rifiutiamo di tornare in armonia col Divino la Sorgente che ci ha creati troverà altri modi per far incarnare le sue scintille…da diverso tempo ormai alcuni insegnamenti spirituali sostengono che la Sorgente sia in grado di far incarnare le Anime anche in modi a noi sconosciuti, non essendo limitata al concepimento umano. In altre parole non dobbiamo peccare di superbia credendo di essere più potenti e più “furbi” del Creatore (come sta facendo l’élite).

Chi ha due tuniche, ne dia una a chi non ne ha,…” e le esortazioni che seguono secondo me sono un invito ad unirci anziché farci la guerra, ma non in modo ipocrita. Quindi dobbiamo se non altro smetterla di danneggiarci a vicenda, e finirla con pretese eccessive (soprattutto chi è già ricco e vuole continuare ad arricchirsi a discapito degli altri). Anzi, ad un certo punto chi pecca di cupidigia sarà obbligato a condividere i suoi averi con chi è stato meno fortunato di lui a causa di un sistema economico ingiusto.

In questo passo vedo anche esortazioni ha chi si ritrova a dover danneggiare gli altri per mantenere il posto di lavoro: chiede di non fare del male all’altro neanche se siamo obbligati a farlo… perché prima o poi il male che abbiamo fatto ricade su di noi, infatti siamo interconnessi!

Ma viene uno più forte di me,…” credo indichi che la salvezza verrà da noi stessi, che non ci sarà un salvatore, ma che persino i Maestri sono qui semplicemente per aiutarci a divenire maestri di noi stessi, quindi non vogliono e non devono essere glorificati, riveriti, imitati e obbediti, perché l’unica vera forza è la Sorgente Divina. Lo Spirito Santo che battezza in questo caso mi fa pensare a chi ha superato varie Notti Oscure dell’Anima per ricongiungersi col proprio Vero Sé…le notti oscure sono periodi molto duri durante i quali la persona perde praticamente tutto ciò che ha, oltre alla sua vecchia identità.

LUCA 17-13 – LA VENUTA DEL REGNO DI DIO:

Interrogato dai farisei: “Quando verrà il regno di Dio?”, rispose: “Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: Eccolo qui, o eccolo là. Perché il regno di Dio è in mezzo a voi!” […]                                                           

Come avvenne al tempo di Noè, così sarà nei giorni del Figlio dell’uomo: mangiavano, bevevano, si ammogliavano e si maritavano, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca e venne il diluvio e li fece perire tutti. Come avvenne anche al tempo di Lot: mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano, costruivano; ma nel giorno in cui Lot uscì da Sodoma piovve fuoco e zolfo dal cielo e li fece perire tutti. Così sarà nel giorno in cui il Figlio dell’uomo si rivelerà. In quel giorno, chi si troverà sulla terrazza, se le sue cose sono in casa, non scenda a prenderle; così chi si ritroverà nel campo, non torni indietro. Ricordatevi della moglie di Lot. Chi cercherà di salvare la propria vita la perderà, chi invece l’avrà perduta la salverà. Vi dico: in quella notte due si troveranno in un solo letto; l’uno verrà preso e l’altro lasciato; due donne staranno a macinare nello stesso luogo, l’una verrà presa e l’altra lasciata”. Allora i discepoli gli chiesero: “Dove, Signore?”. Ed egli disse loro: “Dove sarà il cadavere, là si raduneranno anche gli avvoltoi”.

Qui viene detto che la trasformazione epocale non sarà un evento “spettacolare” in stile hollywoodiano, poiché la Vera Terra è già qui con noi, interpenetra quella sulla quale viviamo. Sarà la rivelazione di un mondo che è sempre esistito ma che non siamo mai stati in grado di vedere. Potrebbe darsi che le prime fasi della transizione saranno vissute principalmente tramite gli extrasensi e NON saranno visibili con gli occhi (ricordiamo che le frequenze ottiche sono limitatissime, ci permettono di vedere appena il 2,5% del reale).

Inoltre si spiega che sarà un cambiamento molto rapido, il mondo potrebbe trasformarsi radicalmente nel giro di pochi secondi. Un giorno viviamo nel mondo tridimensionale e il giorno dopo ci risvegliamo in una dimensione completamente diversa, che non credevamo potesse esistere realmente. Forse tanti saranno increduli e scioccati, al punto che diversi periranno (nel senso che rimarranno nella dimensione di sofferenza per scelta) perché non potranno sopportare di vedere il loro mondo dissolversi davanti a sé, tanto ci si sono identificati. Per l’appunto L’UNO VERRÀ PRESO (chi sarà pronto per il nuovo mondo) e L’ALTRO LASCIATO (chi non sopporta l’idea di vivere in un mondo diverso preferendo rimanere nella dimensione di paura, sofferenza e divisione che gli è tanto familiare).

Il “potere” oggi ha bisogno della censura contro le “fake news” (informazioni false) per poter sopravvivere, dato che se le informazioni circolassero liberamente farebbe veramente una magra figura (come sta già succedendo in ogni caso). La tecnica usata è quella preferita dai narcisisti: in lingua inglese si chiama “gaslighting”, una tecnica di manipolazione mentale grazie alla quale la vittima viene confusa e terrorizzata in modo da non essere più in grado di ragionare con la propria testa e da non fidarsi più del proprio sentire.

Ricordiamo che la storia del “debito mondiale” è totalmente inventata, i soldi li creiamo noi dal nulla e non sono altro che un mezzo di scambio usato per acquistare e vendere beni e servizi, ormai sono praticamente solo cifre su uno schermo digitale (la moneta contante è quasi del tutto scomparsa). Quindi in verità non c’è nessun debito…forse l’unico è quello che abbiamo con noi stessi per aver vissuto tanto tempo nella paura e nell’ignoranza.

La vera ricchezza sono le risorse naturali, la moneta di per sé non vale nulla se non ci sono materie prime da scambiarsi. Noi siamo dei creatori, non dobbiamo per forza sottometterci a qualche “potente”, ci sono un’infinità di soluzioni ai nostri problemi che però non vediamo se cediamo alla paura.

Quindi, ora A TE LA SCELTA: VUOI RESTARE NEL SISTEMA, OPPURE ASPIRI AD UN MONDO DIVERSO, E QUINDI TI UNIRAI AL CAMBIAMENTO?


ALCUNI FIORI DI BACH CHE CI AIUTANO A RIMANERE FOCALIZZATI E SERENI (per chi non conosce la floriterapia):

  • Cerato: per la mancanza di fiducia nelle proprie Intuizioni, e quindi per chi ha la tendenza a fare troppo affidamento sulle opinioni altrui.
  • Larch: per la paura di non farcela, di non essere “abbastanza” e per i complessi di inferiorità.
  • Mimulus: per una paura specifica, quando abbiamo timore di esprimerci apertamente e tendiamo ad essere “timidi”, per le paure causate dalle cose del mondo come povertà, incidenti, solitudine,…
  • Rock Rose: per la paura che paralizza.
  • Star of Bethlehem: per eventi traumatici del passato che vengono risvegliati nel momento presente o traumi attuali. Spesso usato in combinazione con Rock Rose.
  • Walnut: per la difficoltà ad adeguarsi ai cambiamenti.

Qualora ci si riconoscesse in più di una essenza si può acquistare una miscela (presso erboristerie) che contenga al massimo 6 fiori. Tuttavia sarebbe meglio iniziare con una o due essenze al massimo.

Assumere 4 gocce 4 volte al giorno, per almeno 3 mesi (nel caso di emozioni che ci trasciniamo da molto tempo sarebbe meglio assumere le essenze per 6 mesi – un anno).

Spero che questo sia di aiuto a chi si ritrova a dover lavorare su reazioni emotive molto intense.


NOTE: 

[1] Gli studiosi ritengono che Gesù è nato probabilmente fra il 7 e il 4 a.C., dato che Erode sarebbe morto il 4 a.C. Tuttavia si tratta solamente di ipotesi che non sono ancora state confermate. La datazione ufficiale propone l’anno 1 a.C – e non l’anno 0 dato che lo 0 non si usa per indicare un anno nei sistemi cronologici. Fonte: Wikipedia.it.


[2] Sembra che l’origine del mito del Cristo e della Madonna o Grande Madre risalga al periodo dell’Antico Egitto, o forse persino ad un’epoca anteriore. Vedi anche TEOSOFIA.


[2] Non sono riuscita a verificare questa informazione dato che non ho trovato le effemeridi per l’anno 6 a.C.


[3] Anche in questo caso non sono riuscita a trovare da nessuna parte informazioni riguardo questo poema, menzionato solo dal sito web Sebirblu:

«La testa dei capi era pesante alla notizia. I guerrieri dormivano nel dolore, e quando il sole sorse sulle colline, lo Scià se ne era andato…»

«Ed ecco che “Io”, la stella che avevano visto in Oriente, li precedeva, fino a quando si arrestò sul luogo in cui giaceva il Piccolo Infante  (IO è una luna di Giove).


[4] È molto interessate studiare le ricerche di Sir Roger Penrose riguardo la coscienza umana, secondo il quale l’intelligenza artificiale è decisamente inferiore e limitata rispetto a quella umana, dato che l’uomo è dotato dell’Intuizione e di un’Anima. Quindi il transumanesimo non solo è dannoso ma probabilmente è solo un sogno distopico di queste menti malate, che non si rendono conto che ormai i tempi sono cambiati… Vedi: http://www.vita.it/it/article/2020/10/06/roger-penrose-lintelligenza-artificiale-non-esiste/156896/


[5] Vedi Plasmasfera.


[6] Anche in questo caso purtroppo non ho trovato né le efemeridi né il tema astrologico per l’anno 1226 a.C.


[7] Nota che secondo la versione ufficiale l’Esodo è avvenuto nel 1446 a.C.


SITOGRAFIA:

One thought on “LA GRANDE CONGIUNZIONE DI GIOVE E SATURNO IN AQUARIO DEL 21 DICEMBRE 2020: DISCESA DELL’ENERGIA CRISTICA E ANNUNCIAZIONE DI UNA NUOVA ERA? – LIVE STREAMING YOUTUBE, SABATO 12 DICEMBRE 2020 ORE 17:00.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.